Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

ARTE: LA SICUREZZA A COSTO ZERO

23 Novembre 2010

ARTE: LA SICUREZZA A COSTO ZERO Dalla teoria alla pratica

Convegno a Roma
martedì 23 novembre 2010 ore 9.00
Associazione Civita – Piazza Venezia, 11

Sicurezza del patrimonio artistico, modelli di prevenzione e contenimento dei costi, sono gli argomenti del convegno organizzato da Civita in collaborazione con l’associato AXA .

Ad un anno dalla condivisione di queste tematiche cruciali per la tutela del nostro patrimonio affrontate nell’incontro del 2009, è il momento di fare il punto sulla strada percorsa ed i traguardi raggiunti. La collaborazione tra le imprese per realizzare standard elevati di sicurezza e ridurre i costi si è infatti tradotta nella realizzazione dell’Art Security Protocol.

Il convegno presenta le caratteristiche, i risultati e le possibili evoluzioni future di questo Protocollo, punto di partenza per lo sviluppo di forme innovative e trasversali di collaborazione tra Istituzioni, operatori privati e tecnici.

L’Art Security Protocol – ha spiegato Roberto Bargnani di AXA Art – è un sofisticato sistema integrato di sicurezza per la protezione del patrimonio artistico italiano che garantisce il rispetto di standard qualitativi definiti, certificati e controllabili nella gestione delle opere d’arte. Il protocollo ha avuto il suo battesimo ufficiale a maggio 2010 in occasione di una conferenza stampa convocata dal MIBAC e garantisce la qualità dei servizi dedicati messi a disposizione dai partner che vi aderiscono: è quindi un format replicabile e aperto a tutti gli operatori specializzati nell’ambito dell’assicurazione, del trasporto e del deposito che decidano di garantire formalmente gli standard qualitativi che esso prevede. Per effetto della riduzione dei rischi, ASP consente inoltre di produrre risparmi, anche significativi a favore del Cliente, nei costi assicurativi, in quelli legati al trasporto e nella gestione delle opere d’arte.”

“Tutte le azioni che, come questa, afferma Albino Ruberti - Amministratore Delegato di Civita Servizi - mirano ad innalzare gli standard di sicurezza per la protezione delle opere d’arte che siano al contempo integrati ed elevati costituisce, per i soggetti che operano nell’organizzazione delle mostre, come Civita Servizi, uno strumento importante, soprattutto a fronte della forte richiesta di domanda culturale: mostre che favoriscano una comparazione ragionata di varie opere originali riescono, infatti, meglio nella finalità di trasferire conoscenza, oltre ad attrarre flussi turistici molto significativi”.

A discuterne sono stati invitati autorevoli esperti del mondo dei Beni Culturali che, sulla base delle specifiche competenze, si confrontano sulle diverse problematiche legate alla sperimentazione del protocollo, con la difficoltà di far convivere le diverse esigenze delle amministrazioni pubbliche da un lato e delle società private dall’altro.