Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Giornata di Studi Sud contemporaneo: Progetto per una rete

04 Dicembre 2012

Sud Contemporaneo: progetto per una Rete
Napoli, 4 dicembre 2012
Museo di Capodimonte, Auditorium
ore 9.30-17.00

Martedì 4 dicembre 2012 a Napoli, presso l’Auditorium del Museo di Capodimonte, si è svolta una prima giornata di confronto e di dibattito a livello nazionale tra istituzioni e amministrazioni pubbliche, fondazioni ed esperti, dal titolo Sud Contemporaneo: progetto per una Rete.

Il Soprintendente per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il Polo museale della città di Napoli, Fabrizio Vona, e il Direttore Regionale per i beni culturali e paesaggistici della Campania, Gregorio Angelini, con la Direzione Generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee, rappresentata da Maria Grazia Bellisario, Direttore del Servizio Architettura e Arte contemporanee, hanno aperto i lavori della giornata di dibattito tra Amministrazioni, Istituzioni, Università e Fondazioni, chiamati a confrontarsi su obiettivi e strategie comuni per la costituzione di una Rete del contemporaneo.

Maria Grazia Bellisario, che con Angela Tecce, Direttore di Castel Sant’Elmo, ha condiviso il coordinamento scientifico della giornata, ha illustrato le iniziative più rilevanti che il Ministero ha realizzato negli ultimi mesi e che hanno portato all’individuazione del percorso di concertazione che si sta delineando.

L’iniziale punto di partenza è la consapevolezza che una politica lungimirante che voglia favorire la crescita culturale e con essa positivi percorsi di sviluppo sociale ed economico non può che partire dalla cooperazione tra più istituzioni e confrontarsi con gli altri protagonisti di questi percorsi comuni, anche per addivenire ad un più efficace utilizzo delle risorse, siano esse ordinarie o aggiuntive, soprattutto in un periodo, quale quello attuale, di riduzione degli stanziamenti pubblici e di stringenti vincoli per la loro destinazione. Da ciò si sono favorite iniziative finalizzate alla massima sinergia tra più livelli di governo.

E’ noto che qualunque strategia che si ponga obiettivi di sviluppo e crescita dei territori comporti la necessità di conoscere la realtà su cui si propone di intervenire ed è per questo motivo che si è cercato di restituire un quadro aggiornato dell’offerta nazionale del settore, con l’edizione 2012 de “I luoghi del contemporaneo” con cui si sono registrati, con una chiave di rilevazione definita e stringente, ben 204 luoghi presenti in tutto il territorio nazionale, offrendo così una significativa panoramica di nuove realtà in cui è possibile fruire ed apprezzare l’arte contemporanea.

A conferma dell’esigenza di disporre di un approfondito quadro delle conoscenze e delle informazioni sulle realtà del contemporaneo, il Servizio Architettura e Arte contemporanee ha anche promosso uno Studio per la definizione di una rete di centri dell’arte contemporanea nelle Regioni del Mezzogiorno che indagasse in maniera puntuale ed approfondita l’intero tessuto di piccoli e grandi centri, musei, gallerie e fondazioni che contribuiscono a rendere vivo ed animato il settore del contemporaneo. Lo studio è stato presentato da Alessandro Leon Presidente di CLES che ne ha curato la redazione insieme a Giovanna Castelli Direttore dell'Associazione Civita.

In allegato il comunicato conclusivo della Giornata di Studi del 4 dicembre 2012

Segreteria organizzativa:
Civita Servizi
Tel. 0814976128 Fax 081406309
E-mail: segreteria.napoli@civita.it