Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Il Cammeo Gonzaga

12 Ottobre 2008

Il Cammeo Gonzaga
Arti preziose alla corte di Mantova

Mantova, Fruttiere di Palazzo Te
12 ottobre 2008 - 11 gennaio 2009

La mostra dell’autunno di Palazzo Te, Il Cammeo Gonzaga. Arti preziose allacorte di Mantova, è un affascinante viaggio a ritroso nel tempo, alla corte dei Gonzaga a partire dal Quattrocento, quando i signori della città cominciano la creazione della straordinaria collezione che diventerà celebre in tutto il mondo e sarà poi purtroppo smembrata con la vendita della maggior parte delle opere a Carlo I Stuart nel 1627-28.

Oltre alle magnifiche opere di pittura che ornano Palazzo Ducale, i Gonzaga ricercano oggetti antichi e preziosi, e la loro raccolta si arricchisce di pregiate opere di glittica. Dal cardinale Francesco Gonzaga (1444-1483), instancabile raccoglitore di antichità, che acquista parte del tesoro di papa Paolo II Barbo, passando per Isabella d’Este (1474-1539), raffinatissima e colta mecenate, che dichiara di avere un “insaciabile desiderio di cose antique”, fautrice di un considerevole incremento della collezione mantovana e creatrice del celebre Studiolo e della Grotta, sino a Vincenzo I Gonzaga (1562-1612), che tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento, incrementa ulteriormente la leggendaria collezione, i Gonzaga riescono a portare nella reggia ducale mantovana quanto di meglio viene prodotto all’epoca in materia di oreficeria, pietra dura, vetro, argento, naturalia e mirabilia.