Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

L'impresa della sostenibilità. Benefit Corporation e Cultura

06 Febbraio 2020

L'impresa della sostenibilità. Benefit Corporation e Cultura
Giovedì 6 febbraio 2020 ore 18.00 Sala Gianfranco Imperatori - Associazione Civita Piazza Venezia, 11

 
Giovedì 6 febbraio 2020 alle ore 18.00, a Roma, presso la Sala Gianfranco Imperatori dell’Associazione Civita in Piazza Venezia 11, si terrà il convegno “L’impresa della sostenibilità. Benefit Corporation e Cultura”, promosso dalla stessa Associazione, Federculture, Assobenefit e B Lab.
Un’ondata d’innovazione, di dimensioni pari forse solo a quella digitale, sta attraversando il business a livello globale. La sostenibilità mette in discussione non solo organizzazioni, modelli operativi, prodotti e servizi ma le finalità stesse delle imprese. In questo contesto, le Benefit Corporation rappresentano la punta più avanzata di questo dibattito e l’Italia è in prima fila in una trasformazione che riguarderà tutti coloro che vorranno continuare a svolgere un ruolo di rilievo nell’economia globale.
Qual è lo scopo di un’attività di business nel XXI secolo? In che modo le Benefit Corporation possono integrare lo sviluppo e la valorizzazione della cultura nella finalità di un’impresa? Questi i temi al centro dell’incontro, moderato dal giornalista del Tg1 Mario de Pizzo, a cui prenderanno parte gli esperti oltre che i rappresentanti di quelle imprese che, anche a livello legale, hanno sancito la propria vocazione in cui si fondono attività imprenditoriale e ricerca del bene comune creando valore di lungo termine.
Le B Corp rappresentano il modello più evoluto al mondo in termini di azienda sostenibile e rigenerativa. Costituiscono un movimento globale che ha l’obiettivo di diffondere un paradigma economico più evoluto, che vede le aziende come protagoniste nel rigenerare la società e la biosfera. La visione del movimento globale delle B Corp è di innescare una competizione positiva tra tutte le aziende, perché siano misurate e valutate nel loro operato secondo uno stesso metro: l’impatto positivo sulla società e il pianeta. Le migliaia di B Corp e le 120.000 aziende che ne usano gli strumenti, in 71 paesi e 150 settori, rappresentano una soluzione concreta, positiva e scalabile che crea valore sia per gli azionisti che per tutti gli stakeholder.
B Corporation significa, inoltre, un profondo cambio culturale, dalla concezione di shareholders capitalism, in cui l’unico fine del business è quello di generare profitto e dividerne gli utili tra gli azionisti, all’accezione di stakeholdes capitalism, secondo la quale l’azienda ha lo scopo di generare valore per tutta la società e per l’ambiente.
Il tessuto economico italiano sembra aver colto a pieno l’urgenza di tale cambiamento, attestandosi come il Paese con il tasso di crescita delle B Corp più alto in Europa e come il primo Stato sovrano al mondo ad introdurre la forma giuridica di Società Benefit nel proprio ordinamento, diventata legge in Italia a Gennaio 2016. Quella di Società Benefit è nuova forma giuridica d'impresa che garantisce solide basi per allineare la missione e creare valore condiviso nel lungo termine. Oggi sono presenti in Italia circa 100 B Corp certificate e oltre 500 Società Benefit.
Obiettivo dell’incontro è, dunque, di stimolare un dibattito per contribuire alla diffusione del nuovo modello e dirigere le finalità di beneficio comune verso la Cultura come leva di sviluppo sostenibile.