Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Milano.Cultura e trasformazione urbana. Una città in evoluzione

17 Maggio 2013

MILANO
CULTURA E TRASFORMAZIONE URBANA
UNA CITTÁ IN EVOLUZIONE

Venerdì 17 maggio 2013 ore 9.30
Camera di Commercio di Milano – Sala delle Colonne
Palazzo Affari ai Giureconsulti
Piazza Mercanti 2, Milano

Milano, 17 maggio 2013. Nonostante la crisi i milanesi continuano a spendere per lo spettacolo e la cultura. Nell’ultimo anno le famiglie milanesi hanno speso infatti oltre 150 milioni di euro tra cinema, teatro, concerti e musei, per una spesa media mensile di circa 20 euro a famiglia che supera i 40 euro per gli effettivi acquirenti. E il settore legato alla cultura nella provincia di Milano vanta quasi 14.500 imprese, tra pubblicità (oltre 5 mila) edizioni libri (1.807), attività specializzate (1.586) e attività creative, artistiche e di divertimento (1.339). A Milano hanno sede quasi 6 imprese di cultura su 10 tra quelle attive in Lombardia e circa una su 8 tra quelle attive in Italia. Un settore quello della cultura che a Milano occupa oltre 70 mila addetti, il 67% del totale lombardo e il 20% di quello italiano.
Emerge da un’elaborazione Servizio Studi Camera di Commercio di Milano su dati Infocamere e da una stima sull’indagine sui consumi delle famiglie milanesi.

Oggi convegno sulla cultura Camera di commercio - Civita. Dedicato a politiche culturali e sviluppo urbano, l’incontro “Milano. Cultura e trasformazione urbana. Una città in evoluzione”, organizzato dalla Camera di Commercio di Milano e dall'Associazione Civita, trae spunto dal IX Rapporto Civita, dal titolo “CITYMORPHOSIS Politiche culturali per città che cambiano” incentrato sul rapporto tra Città e Cultura: un tema strategico per la definizione di politiche pubbliche innovative e sostenibili, capaci di generare valore e qualità della vita, fornendo una concreta opportunità per uscire dalla crisi economica che attanaglia in particolare il mondo Occidentale.

“La Camera di Commercio è da sempre attenta alla dimensione culturale di Milano – ha detto Pier Andrea Chevallard, Segretario Generale Camera di Commercio di Milano - Crediamo che la cultura rappresenti una leva fondamentale per lo sviluppo economico e qualitativo del nostro territorio e del sistema delle imprese che vi operano”.

“Secondo le analisi condotte dal nostro Centro Studi – commenta Bernabò Bocca, Vice Presidente Associazione Civita – le Industrie Culturali e Creative, dal punto di vista occupazionale, in un triennio hanno risentito meno della crisi in atto rispetto agli altri comparti (con una contrazione di addetti pari a -1,6% contro un -2,5% registrato complessivamente nel settore privato). In tale contesto, Milano si pone come centro della creatività e questo convegno ben si inserisce in un ambiente fertile per la crescita delle idee e della cultura”.

“L’investimento in cultura - ha dichiarato Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano – è importante per la comunità perché accresce il patrimonio cognitivo come leva fondamentale per lo sviluppo economico. Per Expo vogliamo costruire un ‘brand iconico’ di Milano e valorizzare le principali opere d’arte come ‘cluster iconici’ intorno alle quali articolare l’intera vita della città durante i sei mesi della manifestazione”.

In allegato il comunicato stampa intergrale