Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Il primo studio dedicato al ruolo strategico delle organizzazioni private dell’arte contemporanea

Le organizzazioni private dell’arte contemporanea. Un’avanguardia culturale è il primo studio interamente dedicato a un settore strategico del sistema artistico italiano. Promosso congiuntamente da Intesa Sanpaolo, Comitato Fondazioni Arte Contemporanea e Associazione Civita, pubblicato nelle Edizioni Gallerie d’Italia |Skira, è disponibile in forma di e-book in versione italiana e inglese.
Il volume è nato da una ricerca sistematica intrapresa nel 2017, svolta sul campo nel biennio 2018-2019 e presentata con un primo report nel 2020.
La pubblicazione, ora in distribuzione, offre una mappatura dettagliata dell’arte contemporanea in Italia, a partire dall’analisi di oltre 60 realtà private – fondazioni, associazioni e società di capitali – contraddistinte da una programmazione qualificata, continuativa e destinata al pubblico, orientata alla promozione e alla produzione artistica. 
La ricerca è stata concepita e condotta dal Centro Studi di Civita, sulla base di un’analisi desk e attraverso una survey: mediante un questionario elaborato ad hoc somministrato attraverso la piattaforma digitale realizzata dal Consorzio Stabile Glossa, è stato effettuato un monitoraggio sistematico di 63 realtà private che operano nel contemporaneo ricostruendone il contesto e, al contempo, è stato condotto un approfondimento “qualitativo” sulle caratteristiche e il funzionamento di tali realtà tramite interviste mirate con i responsabili e sopralluoghi presso le strutture.
La pubblicazione integra l’analisi con un ricco apparato di saggi di approfondimento che interpretano i dati, inquadrandoli entro una stagione segnata da profondi cambiamenti.
Ciò che emerge dall’analisi è un paesaggio culturale per certi versi inedito, disegnato dall’attività delle organizzazioni private che hanno dunque un ruolo fondamentale nell’ecosistema dell’arte italiana, nel dibattito pubblico e nel confronto democratico dell’oggi. Il “modello italiano delle Fondazioni” appare caratterizzato da una specifica fisionomia. Modellate sul museo piuttosto che sulla galleria, le realtà impegnate nel contemporaneo in Italia mostrano come elemento essenziale della propria mission il coinvolgimento attivo del pubblico, tramite la programmazione espositiva e i Public Program, una preziosa funzione di sostegno alla produzione artistica, attraverso politiche di promozione delle giovani generazioni artistiche e impatti positivi e virtuosi sul territorio e le comunità di riferimento. 

La pubblicazione è in vendita su Amazon, KoboiBook e ibs 

Credits foto: Associazione Xing_Maria Hassabi Staged Live Arts Week 2017 by Ghedini