Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Andy Warhol sul comò: esposta la Collezione di Rosetta Barabino

Il 2 aprile scorso si è inaugurata a Genova la mostra Andy Warhol sul comò - Opere della Collezione di Rosetta Barabino grazie alla quale Villa Croce ritorna a essere una dimora privata arredata con mobili di design per ospitare quasi cento opere da una collezione mai presentata in pubblico.
L’evento è promosso dal Comune di Genova e da Genova Palazzo Ducale - Fondazione per la Cultura in collaborazione con Civita.
Le opere, scelte con cura e visionaria lungimiranza da Rosetta Barabino, sono il frutto di una passione condivisa con il figlio minore che per più di trent’anni li ha portati per gallerie e mostre d’arte contemporanea. L’interesse per l’arte contemporanea nasce dopo la morte del marito nel 1968, forse nel cercare un’attività “moderna” da condividere con i figli maschi già grandi, in anni difficili, in cui Genova era segnata da un clima politico pesante di violenza e conflitti sociali.
La mostra riunisce settanta artisti italiani e internazionali, da Andy Warhol a Carl Andre, da Donald Judd a Cy Twombly, da Dan Flavin a Robert Morris, oltre a Joseph Beuys, Olafur Eliasson, Cindy Sherman, Gordon Matta-Clark, Takashi Murakami, Ettore Spalletti, Ai Wei Wei, Fischli & Weiss e Yang Fudong per raccontare la storia dell’arte contemporanea attraverso lavori eccezionali che, installati in un ambiente domestico moderno e sofisticato, (arredato con mobili Vitra, Molteni e Schiffini) dimostrano come l’arte contemporanea possa diventare ispirazione quotidiana per immaginare il futuro.
L’esposizione vuole anche evidenziare come già negli anni ‘60 e ‘70 Genova fosse il centro di un collezionismo illuminato e d’avanguardia che trovava nelle ricerche del Minimalismo americano il fulcro della contemporaneità. I lavori scelti, datati dal 1962 al 2014, raccontano le trasformazioni dell’arte internazionale negli ultimi cinquant’anni attraverso diversi mezzi espressivi che spaziano dalla pittura alla scultura, dai disegni alle installazioni site-specific, dalle fotografie ai ricami e alle tessiture. La selezione è stata guidata da diversi criteri tra cui, in primis, la storia della collezione e l’importanza storico-artistica dei singoli lavori, tuttavia la metafora della casa, ha permesso alla curatrice Ilaria Bonacossa di riportare le Sale del Museo di Villa Croce alla loro funzione originaria di stanze domestiche, per allestire senza alcun ordine cronologico l’ampia selezione di opere.

Info: 010 580069 / 585772 www.villacroce.org

Riferimenti

Andy Warhol sul comò - Opere della Collezione di Rosetta Barabino
2 aprile 2015 – 5 luglio 2015
Genova, Museo di Arte Contemporanea di Villa Croce