Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

A Lucca il VII Forum Europeo degli Itinerari culturali

In un anno dal particolare valore simbolico, data la ricorrenza del trentennale del programma Itinerari culturali avviato con il Cammino di Santiago de Compostela nel 1987, il Governing Board dell’Accordo parziale allargato itinerari culturali del Consiglio d’Europa ha scelto l’Italia e, in particolare la città di Lucca, per l’organizzazione congiunta della settima edizione del Forum europeo degli itinerari culturali in programma dal 27 al 29 settembre 2017. Gli itinerari culturali del Consiglio d’Europa rappresentano un viaggio nel tempo e nello spazio alla scoperta dell’identità e della storia europea e dimostrano come il patrimonio condiviso dei diversi paesi e culture che compongono l’Europa rappresenti una risorsa in continua evoluzione che contribuisce allo sviluppo sostenibile e alla promozione del dialogo interculturale. Nell’offrire ciascuno una prospettiva originale di approccio alla storia europea, gli itinerari promuovono i valori del Consiglio d’Europa, diritti umani, diversità culturale, democrazia e comprensione reciproca. Dopo il V Forum svoltosi ad Aranjuez (Spagna) nel 2015 e il VI Forum a Vilnius (Lituania) nel 2016 è la volta dell’Italia, dunuque, attraversata da ben 23 dei 31 Itinerari culturali certificati dal Consiglio d’Europa e di cui 5 (Via Francigena, Iter Vitis, ATRIUM, Rotta dei Fenici, Città termali storiche) sono a coordinamento italiano. Un’iniziativa che l’Associazione Civita, da quasi trent’anni impegnata nella valorizzazione e nella promozione degli itinerari storico-culturali che attraversano il nostro Paese, in primis la Via Francigena, non può che accogliere e sostenere con ferma convinzione. Un’occasione, infine, per ripensare ai principi e valori alla base del programma Itinerari culturali, grazie anche al coinvolgimento di centinaia di partecipanti tra ricercatori, esperti, operatori del settore turistico-culturale, rappresentanti degli itinerari certificati e delegati degli Stati membri del Consiglio d’Europa.