Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Arte contemporanea e suo pubblico: torna la Giornata del Contemporaneo

Il prossimo 11 dicembre torna la Giornata del Contemporaneo, il grande evento annuale, promosso da AMACI - Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani con il sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, dedicato all’arte contemporanea nel nostro Paese, alla sua vitalità e al suo pubblico, e raccontandola attraverso il coinvolgimento di musei, fondazioni, istituzioni pubbliche e private, gallerie, studi e spazi d’artista.
Tema, quello dell’arte contemporanea, a cui l’Associazione Civita è particolarmente sensibile avendo di recente realizzato lo Studio dal titolo “Le organizzazioni private dell’arte contemporanea in Italia. Ruoli, funzioni, attività”: una iniziativa promossa congiuntamente da Associazione Civita, Comitato Fondazioni Arte Contemporanea e Intesa Sanpaolo, con l’obiettivo di far conoscere e valorizzare il ruolo delle organizzazioni private operanti nel mondo dell’arte contemporanea italiano, attraverso una mappatura dettagliata (oltre 60 realtà private) e, per certi versi, inedita di quelle organizzazioni aventi una programmazione continuativa e qualificata, orientata alla promozione e produzione artistica destinata alla pubblica fruizione.
La Giornata del Contemporaneo, alla sua XVII edizione, si svolgerà con la collaborazione della Direzione Generale Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Pertanto, anche quest’anno l’iniziativa sarà estesa all’estero dal 6 all’11 dicembre dalla rete diplomatico-consolare dello stesso Ministero composta da Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura. 
La manifestazione, dopo la sospensione del format ordinario dello scorso anno causata dalle ripercussioni dovute all’emergenza sanitaria, torna finalmente in presenza mantenendo però un formato ibrido per favorire la partecipazione con proposte online e offline. Al centro dell’iniziativa il tema del performativo, in riferimento non solo all’esperienza della corporeità del performer sulla scena, ma soprattutto all’urgenza di ripensare nuove dinamiche di interazione con il pubblico attraverso la condivisione dello spazio e nuove forme di coinvolgimento per incrementare l’impatto sociale del museo nella comunità di riferimento. I musei associati progetteranno e proporranno per la Giornata del Contemporaneo, in maniera coordinata, attività legate a queste tematiche. L’immagine scelta per quest’anno, “Jurong Bird Park” di Armin Linke, è una profonda riflessione sulle azioni dell’uomo e sui luoghi fortemente antropizzati come Jurong Bird Park (Singapore), il più grande parco ornitologico al mondo, in cui la Natura è piegata al servizio dell’uomo e dei suoi inarrestabili desideri di appropriazione.
La manifestazione, come già nelle precedenti edizioni, proporrà diversi nuclei di attività: una programmazione ad hoc dei Musei associati AMACI; le iniziative sviluppate in collaborazione con la rete estera del MAECI (Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura all’estero); il coinvolgimento della rete dei Luoghi del Contemporaneo promossa dalla DGCC del MiC; le proposte dei soggetti aderenti che, sommate alle precedenti, rendono la manifestazione capillare, facendo emergere la rete diffusa delle realtà culturali che promuovono con vigore i diversi linguaggi del contemporaneo italiano sul territorio nazionale e internazionale.

Per il partecipare all’edizione 2021 della Giornata del Contemporaneo e conoscerne il programma clicca qui