Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Dalla Regione un bando per la valorizzazione di Civita di Bagnoregio

 
Civita di Bagnoregio, antico borgo dell’Alto Lazio da cui trae le sue origini l’Associazione Civita, è uno dei cinque luoghi storici della nostra Regione che potrà beneficiare del Bando "Atelier Arte Bellezza e Cultura": una misura del Por-Fesr Lazio 2014-2020 che promuove la valorizzazione di tali “gioielli”, attraverso un contributo a fondo perduto di 6 milioni di euro. Il Bando, sottoscritto tra la Regione Lazio e i Comuni di Roma, Civita di Bagnoregio, Cassino, Rieti e Formia, è stato presentato dal presidente della Regione Nicola Zingaretti  lo scorso 19 aprile, presso l'hub culturale Moby Dick, alla presenza di Lidia Ravera, assessore alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, Rosanna Bellotti, direttore regionale Sviluppo Economico e Attività Produttive e Autorità di Gestione del Por-Fesr Regione Lazio, Giovanna Pugliese, coordinatore del Progetto ABC.
All’iniziativa potranno partecipare le micro, piccole e medie imprese del Lazio, in forma singola ed associata, presentando i propri progetti di valorizzazione di cinque spazi – “Atelier”, come li ha definiti il bando - cui sono destinati 1 milione e duecentomila euro ciascuno, fino ad un massimo di 200 mila euro per ogni singola proposta progettuale. Per quanto riguarda il borgo di Civita, la sede prescelta è il rinascimentale Palazzo Alemanni, che domina ampia parte di Piazza San Donato, mentre il tema è “Segni creativi”. Questi gli altri quattro luoghi ed i rispettivi temi: Roma, “Museo Abitato - Mercati di Traiano”; il Museo archeologico di Rieti, “Racconti contemporanei”; il Museo Historiale di Cassino, “Memory gate: la Porta della Memoria”; la Torre di Mola a Formia, “Antichi sentieri”.
I progetti presentati dovranno garantire la fruizione e l'animazione degli Atelier e, nei criteri di selezione, saranno considerati prioritari gli interventi in grado di favorire processi di networking nazionali e internazionali. Un’iniziativa significativa, dunque, volta a sostenere, in maniera sinergica ed integrata, la crescita di attività imprenditoriali e artigianali in ambito culturale.