Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Il "caro bollette" colpisce le istituzioni culturali

L’esplosione dei prezzi di energia e gas che minaccia di portare al collasso attività e amministrazioni in tutta Europa sta colpendo anche i musei, come pure i teatri e i cinema. Così, anche le istituzioni culturali italiane sono in sofferenza, trovandosi alle prese con un “caro bollette” che mettono in crisi i bilanci, già incrinati da due anni di pandemia e da organici sempre più ridotti.
Nonostante le difficoltà, a fronte di diverse realtà costrette a misure estreme alcuni musei in Italia stanno reagendo, anche grazie agli interventi statali del PNRR per promuovere l’efficienza energetica in base ai quali 120 musei statali e siti culturali, selezionati dal Ministero della Cultura, beneficeranno di un fondo di 100 milioni di euro per un maggiore efficientamento energetico.
Oltre a quelle, anche altre istituzioni culturali stanno adottando soluzioni per un risparmio energetico, utilizzando energie rinnovabili e strutture a spreco ridotto, al fine di preservare e garantire l’offerta. Fra gli altri vi sono, a titolo esemplificativo, musei come il MUSE di Trento, che vanta una attenzione alla sostenibilità fin dalla sua progettazione, e il Messner Mountain Museum Corones in provincia di Bolzano, che nel 2016 è diventato il primo museo italiano in classe energetica A; ma anche teatri come il Teatro alla Scala di Milano, che ha rinnovato l’illuminazione utilizzando led a basso consumo energetico, e il Teatro Stabile di Torino, che cerca da anni di ridurre la propria carbon footprint prima con la conversione alle lampadine a led e poi con i pannelli fotovoltaici. In altri casi, invece, il supporto alla cultura arriva dal metano e dalla geotermia, come ad esempio nel caso della Reggia di Venaria, che vanta un impianto di cogenerazione (motore alimentato a gas metano) che permette di generare energia termica (acqua calda utilizzata negli impianti di climatizzazione) ed elettrica, e della Fondazione Rovati di Milano, dove l’energia termica e frigorifera per la climatizzazione degli spazi è ottenuta mediante sistemi a pompa di calore ad acqua di falda, attingendo dalla generosa risorsa geotermica di cui dispone la città.
Le istituzioni culturali hanno un ruolo speciale nella società, dall’obbligo di preservare i beni culturali alla loro condizione di luoghi di socialità. E per questo è necessario sostenerle quanto più possibile in questo periodo di grave crisi energetica che investe l’intera Europa. Così come è stato fatto dal governo tedesco che, pochi giorni fa, ha annunciato lo stanziamento, nel quadro del Fondo di Stabilizzazione Economica, di un miliardo di euro da destinare agli istituti culturali - cinema, teatri, musei, sale da concerto - per andare incontro alle loro esigenze e far fronte al "caro bollette".