Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Il tributo alla femminilità in mostra al Museo del Cremlino

Il Museo del Cremlino di Mosca ospita fino al 13 gennaio 2019 la mostra retrospettiva Tribute to femininity, un tributo alla femminilità che ripercorre l’evoluzione dello stile Bvlgari nel corso di oltre 100 anni. La creatività visionaria, il senso della bellezza e la più alta artigianalità della Maison romana, saranno raccontati attraverso più di 500 creazioni, che spaziano dalla fine del 19° secolo agli anni Novanta. Il percorso traccia la storia dell’emancipazione femminile attraverso la profonda connessione tra la creatività Bvlgari e l’evoluzione dei desideri e del gusto delle donne. In parallelo ai cambiamenti culturali e sociali della storia femminile, le creazioni esposte celebrano il carisma di quelle donne che hanno saputo definire le proprie regole, esprimendo la loro personalità attraverso i gioielli Bvlgari, sia in occasioni formali che nella vita quotidiana. Dagli aristocratici alle stelle del cinema, fino alle celebrità e alle donne in carriera, le creazioni Bvlgari in mostra al Cremlino hanno arricchito ogni era con il loro tocco distintivo, interpretando stili e generazioni diverse. L’incredibile antologia di gioielli includerà creazioni inedite, mai esposte prima come un’affascinante tiara del 1930 con un magnifico layout di acquemarine e diamanti, indossata dalla Principessa Olimpia Torlonia nel giorno delle sue nozze. Per l’occasione, sarà esposta la completa Collezione Heritage di Bvlgari dei gioielli appartenuti a Elizabeth Taylor come la collana che monta 17 incredibili smeraldi colombiani o il sautoir con uno sfarzoso zaffiro taglio sugar-loaf, che vanta più di 60 carati, solo nel pendente. Altri pezzi imponenti provengono dalla collezione dell'attrice italiana Anna Magnani, come il più sorprendente anello Trombino mai realizzato dalla Maison, con un diamante di oltre 25 carati. Per non parlare degli zaffiri cabochon appartenuti ad Anita Ekberg.

Per maggiori info: https://tributetofemininity.bulgari.com/it