Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Il monitoraggio della Torre di Pisa

Secondo gli esperti, dal 2001 a oggi la Torre ha recuperato circa 4 cm di pendenza. La notizia è particolarmente positiva in quanto indica un miglioramento dello stato di salute del monumento, che è superiore rispetto alle previsioni del comitato internazionale coordinato da Michele Jamiolkowski tra il 1993 e il 2001, che ha progettato e coordinato i lavori di consolidamento. Dalla sua costruzione, ormai nel lontano 1173, e con il passare degli anni, il monumento si è inclinato sempre più. Nel 1990 la pendenza raggiungeva i 6 gradi e per motivi di sicurezza fu chiuso l'accesso al pubblico dando inizio alla fase di 'raddrizzamento': furono cerchiati alcuni piani, affissi alcuni tiranti d'acciaio e contrappesi di piombo. Nel 2008 la Torre raggiunse il livello definitivo di consolidamento, attestandosi su un grado di inclinazione di 3,97°.

CESI (Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano) monitora il monumento da anni, registrando le misure acquisite dai sensori installati. Il sistema automatico di monitoraggio statico e dinamico è stato installato sulla Torre di Pisa, nella sua prima versione, nel 1992 e ha contribuito, nel corso degli anni e attraverso gli interventi di consolidamento, al controllo dei movimenti della Torre registrando le misure acquisite dai sensori installati. Negli anni il sistema di monitoraggio automatico è stato opportunamente modificato, smantellando anche parte dei sensori e degli apparati installati nel corso degli anni, per adattarlo alle diverse esigenze di controllo del comportamento della Torre nel lungo periodo. La misurazione più importante, ovviamente, è quella della pendenza ottenuta in continuo dalle misure dei sensori telecoordinometrici (pendolo diritto e pendolo rovescio, quest’ultimo con il filo ancorato alla base della Torre). La misurazione dell’apertura/chiusura delle fessure più importanti è realizzata utilizzando dei sensori di spostamento (deformometri). I sensori piezometrici, posizionati nei quattro punti cardinali all’esterno della Torre, misurano l’altezza della falda acquifera a ridosso della Torre. I sistemi di monitoraggio installati sulle strutture rilevano non solo gli spostamenti assoluti, le variazioni di apertura delle lesioni e di temperatura, il carico del vento, i cedimenti delle fondazioni, ma anche le vibrazioni a cui è sottoposta la struttura (rumore ambientale, traffico, eventi sismici, ecc.).
CESI da oltre 60 anni progetta, installa e gestisce reti di monitoraggio sia di infrastrutture sia del territorio e ha sviluppato specifici software in grado di acquisire e gestire i dati e interpretare i fenomeni per facilitare le decisioni di intervento. Questa expertise da anni è stata messa a disposizione per controllare lo stato di alcuni dei principali beni artistici italiani tra i quali, oltre alla Torre di Pisa, la Cupola del Brunelleschi, la Cattedrale di S.Maria del Fiore, il Campanile di Giotto, le Cappelle Medicee, il Battistero di S.Giovanni e la Loggia dei Lanzi a Firenze, il Campanile di S.Marco a Venezia, la Cappella della Sacra Sindone a Torino e la Torre Civica di Ravenna.