Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Roma, Beni comuni e comunità. Un modello applicabile ai beni culturali

Oggi, 29 maggio, presso la sede romana dell’Associazione Civita, si è svolto il Convegno dal titolo “Beni comuni e comunità. Un modello applicabile ai beni culturali”, promosso da AEQUA in collaborazione con Associazione Civita.
Dopo i saluti di apertura di Nicola Maccanico, Segretario Generale dell’Associazione Civita, e l’intervento introduttivo di Gianfrancesco Fidone, Vice Presidente di AEQUA - Associazione per l'efficienza e la qualità nell'Amministrazione, l’incontro ha previsto gli interventi di Gregorio Arena, Presidente di Labsus - Laboratorio per la sussidiarietà, Lorenzo Casini, Professore ordinario di Diritto amministrativo - Scuola IMT Alti studi di Lucca, Marcello Clarich, Professore ordinario di Diritto amministrativo - Sapienza Università di Roma, Massimo Egidi, Professore Emerito di Behavioral Economics - Università LUISS, Eugenio Picozza, Professore ordinario di Diritto amministrativo, dell’ambiente e pubblico dell’economia, Nereo Zamaro, Professore di Methods of social research - Università LUISS. Modera e conclude Luciano Violante, Presidente Emerito della Camera dei deputati.
Tema del Convegno è stato la riscoperta dei beni comuni, di cui si è discusso prendendo spunto dal volume di Gianfrancesco Fidone. Se la destinazione dei beni diventa centrale per la loro classificazione, può aprirsi la strada per un'ulteriore categoria rispetto a quelle dei beni pubblici (preposti alla realizzazione di un pubblico interesse) e dei beni privati (preposti alla realizzazione di un interesse privato). I beni comuni sono preposti alla realizzazione di un interesse non pubblico e non privato, bensì comune, ovvero di una comunità di persone distinta dalla generalità degli individui. Assumono dunque un ruolo centrale la comunità e ciascuno dei suoi membri che diventano un centro di imputazione di diritti e interessi e che, assumendo un ruolo di cittadinanza attiva, possono essere coinvolti nella gestione dei medesimi beni con creazione di opportunità di sviluppo e di posti di lavoro.
Proprietà pubblica e beni comuni, presuppone dunque quella delle comunità, che costituiscono corpi intermedi tra Autorità pubblica e singolo cittadino. Devono essere create le condizioni affinché i membri delle stesse comunità cooperino tra loro e con le Istituzioni. Tale modello appare particolarmente promettente per il settore dei beni culturali e del paesaggio, che spesso identificano e connotano le comunità, nel quale le tradizionali gestioni pubblica e privata hanno dimostrato i loro limiti, da un lato, per la crescente indisponibilità di risorse pubbliche e, dall'altro, per la scarsa remuneratività di tali beni.

 
Scarica l'invito al Convegno allegato

Riferimenti

Beni comuni e comunità. Un modello applicabile ai beni culturali
Roma, Martedì 29 maggio 2018, ore 10.00
Associazione Civita, Sala Gianfranco Imperatori
Piazza Venezia, 11

Allegati